About

Pedalare all’aria aperta. In mezzo agli elementi e accompagnato da varie condizioni meteorologiche, di giorno e di notte, in estate, in inverno. Raggiungere la meta, ma soprattutto gustarsi il viaggio. Provare una sensazione di assoluta libertà e relativo spaesamento. 

Capirsi e capire i propri limiti. Studiarli. A volte spostarli in avanti. A volte accettarli. Riscoprire gesti semplici, apparentemente scontati. Gioire di piccole cose. Compiere grandi imprese. Conoscere altre persone. Stabilire amicizie. Condividere fatica e speranze. Risolvere problemi. 

Forse la lunga distanza é una scusa per gustarsi tutto ciò… E molto altro. Una metafora della vita, un modo di vivere.

Pedalo da diversi anni, sempre in maniera non agonistica. Per il gusto di farlo. Per la soddisfazione e il benessere psico – fisico che ne traggo. Senza nessun’ altra motivazione diretta. Senza nessun motivo di stress a turbare l’ atto sportivo. Altre informazioni sono presenti negli articoli.

Il randonneuring, cui é dedicato questo blog, é una disciplina antica antica che da qualche anno mi ha conquistato.  in forte ascesa in Italia, paese votato invece all’ agonismo puro. Il risultato é spesso particolare, inedito, ma non privo di motivi di interesse. 

Non intendo mettere in prima fila la mia figura. È secondaria. Qui conta l’ attività in sella e tutt’ attorno alla bici. Mezzo semplice e pressoché invariato nella sostanza ma tecnologico, ecologico e intelligente. Troppo spesso si parla e si scrive molto e si pedala poco. Pedalando, scrivendo, commentando e rispondendo. I modi per fare conoscenza non mancano…

Per questo voglio scrivere, confrontandomi con i lettori, oltre che con me stesso. Uno spazio dedicato soprattutto – ma non solo –  a chi non sa di cosa si tratti, a chi intende avvicinarvisi e necessita di informazioni e riferimenti. Da neofita a neofita, o quasi.

Perché la crescita che avviene giorno dopo giorno allontana sempre più da questa condizione. E le informazioni e le sensazioni riportate rispecchiano questo percorso. Domande, incertezze, esperienze: un lungo cammino inizia col primo passo. Il secondo, il terzo e i successivi sono quasi automatici e non si contano più…

Chiedo cortesemente di leggere l’ avvertenza pubblicata: l’ articolo più vecchio.

Buona lettura e buona strada!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...